Afghanistan: una terra in guerra raccontata tra fotografie e fumetto

Standard
Spread the love

The PhotographerFotografia e fumetto, una accanto all’altro, per raccontare la guerra. Accade nel volume uscito in questi giorni per i tipi di First Second Books dal titolo The Photographer: Into war-torn Afghanistan with Doctors Without Borders. Realizzato con le illustrazioni di Emmanuel Guibert su ispirazione delle fotografie di Didier Lefvre, il volume viene presentato con queste parole:

Nel 1986 il fotoreporter francese accompagn un gruppo di Medici Senza Frontiere (MSF) in un viaggio nell’Afghanistan della guerra contro l’Unione Sovietica. [Lefvre] era al suo primo incarico e document con i suoi scatti il loro percorso da Peshawar, in Pakistan, attraverso la catena montuosa dell’Hindu Kush. La carovana si componeva di centoventi muli, venti cavalli e quaranta guardie armate. Un mulo cadde nel ghiaccio e venne salvato; uno stalliere fu pi sfortunato e si perse durante una marcia notturna. Quando arrivarono a destinazione, nella valle di Yaftal, nell’Afghanistan settentrionale, MSF insedi qui un ospedale con un porticato antistante che serviva come moschea e pronto soccorso. Il primo paziente fu un ragazzino con un’ustione al piede causata dal forno per il pane con cui lavorava, una ferita comune in Afghanistan.

Online possibile trovare un estratto di sedici pagine del libro mentre qui il sito ufficiale del reportage (in francese) e qui invece l’evento realizzato con la collaborazione di Medici Senza Frontiere.

3 thoughts on “Afghanistan: una terra in guerra raccontata tra fotografie e fumetto

  1. (copio anche qua il commento lasciato su friendfeed, oggi come oggi non si sa pi dove sbattere la testa :)

    che bello che diventato il tuo blog, antonella. piacere ritrovarti :) Il fotografo disponibile anche in Italia, edizioni Lizard, a volumi (costosissimi: 17,50 l’uno :) ed veramente un capolavoro… alterna fumetti e foto con un risultato drammatico fortissimo. davvero merita una tua segnalazione :)))

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *