“Pauline” per raccontare il rifiuto della diversità

Standard
Spread the love

PaulineGiovanni De Martis stava lavorando a questo progetto già da diverso tempo e un primo risultato della collaborazione che era nata era stato Miserabili – Io e Margaret Thatcher per il quale aveva fatto da consulente storico. Il lavoro di questa volta, ideato con lo psicopedagogista Mario Paolini e portato in scena dal celebre attore e autore Marco Paolini, si chiama Pauline. Dalla scheda di presentazione dello spettacolo:

Pauline Kneissler, infermiera, classe 1900 non rappresentò la banalità del male di un burocrate dello sterminio seduto dietro il suo tavolo. Pauline fu il male convinta di essere – fino in fondo – il bene. Dal filo della vita di Pauline si dipana una storia che ha al centro la vicenda dello sterminio di decine di migliaia di uomini, donne e bambini disabili nella Germania nazista. Una tragedia che non ha nulla di irripetibile perché il tema del nostro rapporto di normodotati con la diversità dei disabili è tutto da sciogliere. Tra l’estremo atto di crudeltà nazista e il nostro disagio di fronte alla disabilità dell’altro sta una differenza enorme ma anche la possibilità di rifiutare e il rifiuto è il primo atto che nega l’esistenza dell’altro. Si tratta di un monologo in forma di riflessione su quanto accadde e sui meccanismi che fanno sì che l’intolleranza divenga un atteggiamento socialmente accettabile e per questo scusabile se non apertamente condivisibile da una società che per non riconoscersi malata si accanisce sui più deboli.

Le prime due date sono previste per il 7 ottobre a Trieste, presso il teatro all’interno dell’ex ospedale psichiatrico, e il 9 ottobre a Milano, all’ex ospedale psichiatrico Pini.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *