È venuto il tempo del ritorno a Bassavilla di Danilo Arona

Standard

Di Bassavilla s’è parlato non tanto di rado da queste parti. Così come del suo autore, Danilo Arona, forse lo scrittore più citato qui dentro. Così alla notizia che sta uscendo un suo nuovo romanzo, Ritorno a Bassavilla, pubblicato dalle XII Edizioni, cresce la voglia di avercelo tra le mani e sotto gli occhi. Per…

Melissa Parker e l’incendio perfetto: l’altrove Bassavilla

Standard

Si parla di nuovo di Danilo Arona, perché, atteso, esce finalmente un libro che si ricollega alle Cronache di Bassavilla raccontate nelle loro cento sfacettature anche su Carmilla. Si intitola, questo nuovo volume, Melissa Parker e l’incendio perfetto, è pubblicato dalla Dino Audino Editore e sarà in libreria a partire dal 18 ottobre. Questa è…

Finis Terrae: i segretissimi segreti di Bassavilla

Standard

Attenzione, questo autore provoca dipendenza – e da queste parti se ne sa qualcosa – perché i libri di Danilo Arona sono un percorso verso l’ignoto, un orrore che non sempre è tale e che è difficile da catalogare, un mosaico che sembra non avere forma e poi all’improvviso si compone. Quelli che ho letto…

Bassavilla, Premio Scerbanenco e altri appelli

Standard

Si sono aperte in questi giorni le votazioni per l’assegnazione del Premio Giorgio Scerbanenco e tra i titoli dei romanzi in concorso ce n’è uno di cui si è parlato spesso nei mesi scorsi da queste parti (almeno 1, 2, 3 o 4 volte). Dunque, se ci si può permettere un’indicazione di voto (per esprimere…

Danilo Arona, Miriam e l’horror “di esitazione”

Standard

Danilo Arona torna a pubblicare su Carmilla e questa volta è Cercasi Miriam disperatamente. Lo introduce Valerio Evangelisti con queste parole: L’articolo La luce oscura di Danilo Arona, uno dei collaboratori che più hanno contribuito al successo di Carmilla, ha avuto tale rispondenza di pubblico da consigliare di dare lo stesso titolo a una nuova…

Venerdì 17

Standard

17 o XVII. Che anagrammato diventa VIXI. Che in latino è un verbo al tempo perfetto. Che tradotto in italiano vuol dire vissi (e magari ora non più). Già per questo ci sarebbe da ricorrere alla scaramanzia. Si pensi poi che il 17 se la litiga con il 13 sulla vera data di un evento…

Ancora echi di gotica piemontesità

Standard

Le otto del mattino sono un’ora maledetta, ma anche le cinque non scherzano: entrambe segnano un limite tra due momenti, uno dei quali è il lato oscuto del giorno che finisce e strappa l’immaginazione alla realtà. Delle cinque (e venti minuti, per la precisione), poi, si è già parlato più volte e un’altra ci sta…